la commedia+ saffo

ciao raga … c’ho la febbre 😥 ke sfiga…. andava tt bn fin quando ha deciso di piovere…è bello che sia arrivato l’inverno così hai una scusa per bere alcol, fumare, mangiare paninazzi caldi, ma soprattutto mettersi le felpe :)))) però quando ti ammali nn è bello!… Cmq oggi ci hanno spiegato la commedia… lo sapevate che la commedia assunse una struttura autonoma durante le feste e le fallofòrie dionisiache???? le FALLO forie!! no nn è un nuovo film di tinto brass… bensì feste dedicate a quella parte del corpo che hanno solo i maschi… con vere e proprie processioni!!! Ecco da dv viente quel detto: " NN ROMPERE I SANTI COGL***NI… XDXDXDXDXDXDXD. Per chi nn avesse fatto leopardi… o lo avesse fatto ma nn se lo ricoda… andatevi a leggere l’ultimo canto di saffo.. che è una cosa stupenda!!!! leggete:" La bellezza è colta da Leopardi sotto una duplice valenza. Innanzitutto sensisticamente, come percezione di una condizione di vita segnata dai bisogni del corpo e dei sensi e legata al concetto stesso di piacere. Quindi l’idea di bello viene argomentata concettualmente ( filosoficamente ) come legge di natura, come vuota dimensione da cui l’uomo si sente escluso. Costantemente – in questa seconda prospettiva – l’idea di bellezza si pone in contrapposizione ai bisogni dell’uomo. Tanto più è seduttiva – ad esempio – la natura nei suoi aspetti esteriori ( che toccano il nostro animo con l’intenerimento profondo del cuore ) tanto più è doloroso il percepire l’esclusione dal nostro sostanziale coinvolgimento. L’amore, che innanzitutto è intuito come forza creatrice di tale bellezza, è precluso al poeta ed ai personaggi che diventano emblema del suo dramma. L’ultimo canto di Saffo ( 1824 ) segna – col suicidio della poetessa greca – il passaggio ad un pessimismo integrale ( cosmico ) giustificato dalla convinzione che il bello delle forme sia l’unica, prepotente spinta al conseguimento della felicità per l’uomo, e che, di conseguenza, l’esclusione da tale legge, comporti il permanere in una perenne dimensione di dolore"

 

e ho trovato qst quadro bellissimo—–>(J. E. Millais, Ofelia,1851-52 )

 

CIAOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOo

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...